Ponti e canali - Sito Ufficiale del Comune di Comacchio

Vai ai contenuti principali

 

 
 
Percorso: Home - Città e Territorio - Arte, Storia e... - Arte e Monumenti - Ponti e canali  

Ponti e canali

  • TREPPONTI O PONTE PALLOTTA

Autentico emblema di Comacchio, voluto dal Cardinale legato Giovan Battista Pallotta nel contesto della cosiddetta rinascita urbanistica. Il manufatto di laterizio, innalzato intorno al 1638 dal cappuccino Giovanni Pietro da Lugano su disegno dell'architetto Luca Danese di Ravenna, costituisce il punto di unione tra il canale navigabile "Pallotta", proveniente dal mare, ed il centro della città, in quanto sotto la sua unica volta si distribuiscono le vie d'acqua interne, per mezzo di una fitta rete di canali. Comprende cinque ampie scale (tre anteriori e due posteriori) ad arco a tutto sesto, che consentono di raggiungere la sommità, in pietra d'Istria.

 

  • PONTE DEGLI SBIRRI

Eretto nel 1631-1635 e progettato dall'architetto Luca Danese di Ravenna per volere del Cardinale Pallotta, è un manufatto originale costituito da tre arcate in mattoni e pietra d'Istria. Il "ponte delle Carceri o degli Sbirri" prende il nome dalle prospicienti carceri mandamentali, che un tempo ospitavano i detenuti di Comacchio, per la maggior parte pescatori di frodo o "fiocinini".
Sul Ponte degli Sbirri si innesta un quadrivio di canali che costituisce lo snodo d'acqua principiale della città, da cui era possibile navigare in direzione del mare a est, verso il centro a nord, verso le Valli a sud, attraverso la Porta San Pietro, verso la zona destinata ai mercati a ovest. Da qui si stende verso sud il bellissimo quartiere di San Pietro, rimasto integro nel tempo. Sul quadrivio si affaccia la maggiore concentrazione di emergenze architettoniche

 

  • PONTE DEI SISTI

Costruito nel XVIII secolo, collega via Agatopisto con via Buonafede. Ad arcata unica, interamente di mattoni e discretamente conservato

 

  • PONTE DEL CARMINE E PONTE PIZZETTI

Situati rispettivamente a lato e in fregio della Chiesa del Carmine, sono tra i maggiori della città, anche se non tra i più complessi, essendo ad arcata unica, interamente in mattoni. Entrambi risalgono al XVIII secolo. Recentemente restaurato il Ponte Pizzetti.

 

  • PONTE DEL TEATRO

Eretto nel XVIII secolo, unisce via Cavour e via Carducci. Presenta una sola arcata posta obliquamente alle sponde.

 

Come fare per