23/08 - Interventi anti-abusivismo degli ultimi giorni - Sito Ufficiale del Comune di Comacchio

Vai ai contenuti principali

 

 
 
Percorso: Home - Il Comune - Comunicati stampa - Agosto 2017 - 23/08 - Interventi anti-abusivismo degli ultimi giorni  

23/08 - Interventi anti-abusivismo degli ultimi giorni

Proseguono senza sosta i servizi di contrasto al fenomeno dell'abusivismo commerciale sulla costa. Nel corso di attività di prevenzione e repressione dell’abusivismo, la sera del 21 agosto 2017, la Polizia Municipale con nove agenti coordinati da un Ufficiale, ha effettuato alcuni interventi repressivi all’interno delle Zone a Traffico Limitato dei Lidi Nazioni, Pomposa e Scacchi. Gli interventi hanno permesso di recuperare molta merce contraffatta delle più note griffe, tra cui borse, marsupi capi di abbigliamento di Prada – Napapijri ed altri prodotti non contraffatti, ma sprovvisti di qualsiasi certificazione CE.

 

 

 Nella mattinata di ieri, 22 agosto 2017, l’attività repressiva della Polizia Municipale, è continuata sulle spiagge e diversi sono gli interventi effettuati da 5 pattuglie coordinate da due Ufficiali. Le attività sono state intensificate in prossimità del bagno Oro al Lido degli Estensi e del Bagno Corallo al Lido di Spina. Complessivamente sono stati sequestrati molti accessori, per abbigliamento contraffatti tra i quali Gucci – Prada – Chanel – Napapijri – Louis Vitton e numerosi altri capi di abbigliamento ed accessori non contraffatti, ma privi di certificazione CE e potenzialmente pericolosi per il consumatore.

 

 

L'attività di repressione è sempre affiancata a quella di prevenzione con la presenza di operatori di Polizia Municipale lungo l’arenile, ma anche all’interno delle aree di mercato. Tale attività viene garantita da pattuglie di agenti a piedi o con veicoli elettrici. Lo scopo consiste nel  garantire un presidio costante nelle zone maggiormente esposte al fenomeno dell’abusivismo.

 

Un altro intervento della Polizia Municipale è stato compiuto al Lido delle Nazioni, nella notte del 19 agosto scorso. A seguito di una segnalazione, una pattuglia è intervenuta all'interno di un bar, dove una persona in stato di alterazione stava discutendo animatamente con alcuni clienti dello stesso pubblico esercizio.

 

Al momento dell’intervento, gli agenti hanno scorto una decina di venditori abusivi intenti a vendere abusivamente merce di varia natura lungo il Lungomare Italia. Alla vista degli agenti, come più volte si è verificato, i venditori si sono dati alla fuga, altri invece si sono introdotti all’interno di un locale pubblico. Gli agenti hanno pertanto tentato di fermare alcuni dei suddetti venditori, tutti cittadini extracomunitari, allo scopo di procedere alla loro identificazione ed al sequestro delle merci poste in vendita. In quel frangente un venditore abusivo, aiutato da altri connazionali sopraggiunti in suo aiuto, cercava di rientrare in possesso della propria merce. Dopo attimi di tensione, che hanno reso più complesso l'intervento in atto, il venditore abusivo è riuscito a dileguarsi, con l'aiuto di altri suoi colleghi. Gli accessori per l’abbigliamento recuperati, ossia borse, borselli e pochettes con marchio contraffatto (Louis Vuitton e Gucci) venivano sequestrati e posti a disposizione dell’autorità Giudiziaria.

 

Nel corso dell’intervento, non sono mancati cenni di incoraggiamento per l’operato della Polizia Municipale, da parte dei turisti, che, con il loro sostegno, hanno voluto testimoniare l'importanza della campagna "Un mare di legalità" . Per il quarto anno consecutivo infatti,  le Istituzioni del territorio (Comune di Comacchio, Prefettura, Camera di Commercio), Forze dell'Ordine, Associazioni di Categoria ed associazioni ambientaliste impegnate nella campagna informativa, sono schierate a stretto fianco per fornire risposte sempre più incisive contro l'abusivismo. Le attività di prevenzione e di contrasto dell'abusivismo proseguiranno anche nelle aree di mercato e nelle zone maggiormente frequentate dai turisti.

 
WP-Sequestro-merce-23-agosto-2017
 

Come fare per